officina rebelde
 HOME  |   Chi siamo  |   Iniziative  |   Caffè e derivati  |   Mostre  |   Video  |   Foto  |   Forum  |   Link
Ultimo aggiornamento: giovedì 1 dicembre 2016
Chi siamo
GLI AMORI AI TEMPI DEL CO.CO.CO.LERA

L’epidemia della precarietà, la sopravvivenza delle emozioni a dispetto di essa, una rubrica anomala, proposta dal gruppo più improvvisato dell’estrema sinistra, per raccogliere le esperienze che altrove non sono nulla: nè politica, nè letteratura. Sdolcinatamente No Global, consideriamo che abbiamo diritto al superfluo e ci avvaliamo dell’inesperienza dei nostri collaboratori per raccontarci, raccontarvi, nelle Vostre/Nostre emozioni precarie.
Nonostante il colera, nonostante tutto.

Amori ai tempi del Co.co.co.lera

Iniziative

CATANIA: APRE LO SPORTELLO DI AUTODIFESA PRECARIA
UN INIZIATIVA CONGIUNTA DEL FORUM ACQUA, DEL MOVIMENTO STUDENTESCO, DELLA RETE CATANESE 15 OTTOBRE, DI OFFICINA REBELDE CATANIA

Lavoro Precario: la legislazione Italiana sul lavoro è una vera selva ed è difficile orientarsi coi problemi posti dai diritti che sarebbero dovuti con chi lavora in situazioni border line come quelle dei contratti co.co.pro ed interinali o con chi lavora in nero;

Locazione: anche in tale settore c’è il problema dei contratti in nero, con il rischio concreto per chi occupa una casa o un posto letto di vedersi sfrattato da un giorno all’altro;

Servizio Idrico: un bene pubblico, l’acqua, che si paga salato. Spesso i gestori addebitano sulla bolletta tariffe non dovute, approfittando della disinformazione del cittadino;

Sostare: l’illegalità delle strisce blu, poste anche in zone dalle quali dovrebbero essere totalmente escluse.

VENITE A TROVARCI OGNI VENERDì, DALLE 17:00 ALLE 19:00, PRESSO LA SEDE DI OFFICINA REBELDE CATANIA, IN VIA COPPOLA N.6

PER INFO: officina.rebelde@yahoo.it

Qui il link all’articolo completo

Caffè e derivati

Per contribuire concretamente alla lotta dei ribelli Zapatisti abbiamo deciso di vendere il caffè che viene prodotto dalle loro cooperative contadine.

La confezione è da 250 gr e la vendiamo a tre euro al pacco, in caso di acquisto diretto, potrete trovarlo alle nostre iniziative, nei punti di distribuizione (dove il prezzo potrebbe però lievitare) oppure prenotarlo tramite la nostra casella mail.

Il nostro caffè, se ci sentiamo disobbedienti

Dossier sul Caffè Zapatista

Wu Ming 2 a Palermo, Catania e Siracusa per presentare il nuovo libro

Dopo il successo de Il sentiero degli dei, Wu Ming 2 torna a camminare lungo il tracciato dell’Alta Velocità Ferroviaria, da Bologna a Milano. Un viaggio a piedi tra i capannoni industriali, l’umido dei fossi e le grasse campagne della Grande Pianura: una nuova sfida per la difesa del diritto al paesaggio e alla viandanza. Storie, aneddoti, leggende: un libro sul territorio, un alfabeto dei luoghi, una scrittura collettiva di un ecosistema. Di seguito la scheda di presentazione del (...)

Leggi tutto
 

AUDIO TRATTO DA RADIO BLACK OUT

In North Dakota da alcuni mesi le tribù native dei sioux stanno difendendo strenuamente le terre dove sono stati confinati perché amici di Trump da lungo tempo intendono trarre profitti facendo correre oleodotti capaci di portare il petrolio dalle terre indiane fino in Illinois, a Chicago. Il sottile filo che collega quella lotta locale al di là dell’Oceano con le altre resistenze indigene in Val di Susa ha già prodotto repressioni fino anche a morti e arresti e lacrimogeni e taser, perché (...)

Leggi tutto
 

PER L’AUTODETERMINAZIONE DELLE DONNE, CONTRO LA RIFORMA COSTITUZIONALE

Cosa dire di quest’autunno di lotte? Non bisogna nascondersi dietro un dito o abbandonarsi a facili narrazioni autoincensanti: nonostante tutti gli sforzi soggettivi dei compagni è un anno di merda, esattamente come il precedente. E’ un altro anno di austerity, nel quale un governo mai eletto continua a portare avanti un massacro sociale di proporzioni enormi, approfittando della crisi per aumentare a dismisura la precarietà, erodere i diritti dei lavoratori, riprodurre devastazioni ambientali (...)

Leggi tutto
 

il 17 novembre per ribadire "NON UNA DI MENO"

NON UNA DI MENO! Assemblea Cittadina autogestita Aula Consiliare del Comune di Catania Giovedì 17 novembre 2016, ore 17,30 In Polonia, Argentina, in Spagna gli scioperi e le proteste delle donne che si ribellano alla violenza e al femminicidio hanno paralizzato interi paesi. Questa lotta appartiene a tutte, cancella i confini e non conosce geografie: un terzo delle donne italiane, straniere e migranti, subisce violenza fisica, psicologica, sessuale, spesso fra le mura domestiche e (...)

Leggi tutto
 

IL CINEMA TORNA A PARLARE DI CLASSE OPERAIA

Inoltriamo una recensione del nostro Micio Stimolo Proprio in questi giorni ritorna sugli schermi la mitica classe operaia. Relegata, ormai, nelle rappresentazioni culturali, nell’informazione e nello spettacolo, all’archeologia sociale. Eppure, gli appartenenti, donne e uomini, sono ancora ben presenti nelle variegate e complesse strutture lavorative del Paese. Operai ed impiegati. Quest’ultimi in gran parte considerati di “basso rango”, senza identità specifica. Sono in molti, milioni di (...)

Leggi tutto
 

Dietro la decisione della giunta Garozzo l’idea di un centro storico gentrificato a misura esclusiva del turismo.

Ha fatto scalpore, a Siracusa, il fatto che per la prima volta dopo decenni la tradizionale fiera dei morti non si è tenuta ad Ortigia. Anzi, non si è tenuta proprio. In breve, la giunta Garozzo aveva deciso di spostare le bancarelle della fiera dalla tradizionale locazione in Ortigia a quella in Viale dei Comuni, nel quartiere Santa Panagia, alla periferia Nord della città. La reazione dei commercianti è stata quella di impartire allle autorità una lezione a dir poco magistrale: non se ne è (...)

Leggi tutto
 

INOLTRIAMO L’APPELLO DI ALCUNI COMPAGNI. A DICEMBRE UNA PRIMA ASSEMBLEA PUBBLICA.

MOBILITIAMOCI TUTTI CONTRO IL PROSSIMO VERTICE G7 A TAORMINA!!! Il 26 e 27 maggio 2017 la città siciliana di Taormina ospiterà il G7, il vertice dei capi di stato delle sette maggiori potenze economiche, politiche e militari occidentali (Usa, Canada, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna e Italia), che formalizza annualmente le misure di austerità neoliberiste da applicare internazionalmente o gli interventi di guerra planetaria sempre più spesso subappaltate all’organizzazione della NATO. (...)

Leggi tutto
 

LE "COMPAGNE CATANESI" IN PRESIDIO

Si mobilita, in questi giorni, la comunità femminista ed antisessista della città di Catania per fare sì che la morte di Valentina Milluzzo, la giovane donna morta anche a causa del rifiuto degli obiettori di coscienza dell’ospedale Cannizzaro, di operare un aborto terapeutico, non passi sotto silenzio, come invece vorrebbe la Ministra Lorenzin. Dopo una partecipata assemblea tenutasi per iniziativa de "Le Rebeldesse" al C.s.a. Officina Rebelde (Qui l’evento), giorno 27 Ottobre si è tenuto un (...)

Leggi tutto
 
Il senso di Smilla per la neve (danese Frøken Smillas fornemmelse for sne) è un romanzo scritto dallo scrittore danese Peter Høeg e pubblicato nel 1992. L’ho letto ed ho pensato subito che fosse un autentico capolavoro, poi ho letto le recensioni piccate ed inferocite sul web di decine di lettori. "Lento". "Complesso". "Si perde la trama". "Non si capisce davvero chi era il colpevole". "Il film era più bello". Pietà l’è morta allora, perchè se il tempo di consumo di un libro diventa anche quello (...)

Leggi tutto
 
A Siracusa continua la mobilitazione dei lavoratori Comes. La Comes era una ditta che lavorava all’interno dello stabilimento Lukoil, oramai di proprietà russa, occupandosi di manutenzione degli impianti. La crisi della Comes è iniziata quando Lukoil ha dichiarato di volere ridurre il personale di Comes dalle 156 unità a 60, non avendo interesse la medesima a ulteriore personale all’interno dello stabilimento. La proprietà della Comes, a quel punto, ha messo la società in liquidazione. Gli operai (...)

Leggi tutto
 

RadioBlackout intervista un compagno di Officina Rebelde in merito alla vicenda del piano di rientro del debito (AUDIO)

Come redazione inoltriamo l’intervista fatta da RadioBlackout ad un nostro attivista Avevamo parlato con Federico di Officina Rebelde di gentrificazione della città etnea e dei maneggi Ora ci sono novità: il Comune dovrà presentare i conti e coprirsi di debiti per i prossimi dieci anni. Li pagheranno, naturalmente, i cittadini chiamati a versare più Imu e a venire impoveriti attraverso servizi non erogati: anche le partecipate sono state svendute, privatizzate in toto o in parte e pure le sedi (...)

Leggi tutto
 

LA LEGITTIMA RESISTENZA ALLO SGOMBERO NON VIENE CONDANNATA DAI GIUDICI

Si chiude lo strascico giudiziario del violento sgombero che scosse la città di Catania. Siamo doppiamente contenti. Contenti perchè viene meno un teorema repressivo che era l’ultimo velo posto dai poteri di questa città a copertura di un’infamia. Contenti perchè erano sotto processo anche compagni di Officina Rebelde, accorsi per difendere lo spazio. Sgombero Experia, assolti otto militanti dell’ex Cpo Per la giudice niente resistenza a pubblico ufficiale Luisa Santangelo 12 Ottobre 2016 Il (...)

Leggi tutto
 

PARLA MASSIMO ZUCCHETTI (AUDIO TRATTO DA RADIO ONDA D’URTO)

GRANDI OPERE: POCHISSIMI I FONDI PER LA MESSA IN SICUREZZA DEL TERRITORIO Sono 90 i miliardi di euro destinati alle Grandi Opere, mentre sono stati stanziati solo 800 milioni per la messa in sicurezza del territorio. Questo è il netto squilibrio di risorse messo in luce nell’articolo apparso su Repubblica questa mattina, lunedì 10 ottobre. Enormi finanziamenti, però, che si scontrano con previsioni del traffico sovrastimate e assenza di adeguate previsioni di spesa, a fronte di costi (...)

Leggi tutto
 

NEL COLLEGIO DEI PERITI EX ESPONENTI DI ALLEANZA NAZIONALE. (AUDIO DA RADIO ONDA D’URTO)

CASO CUCCHI: PER I PERITI PIU’ CHE IL PESTAGGIO FU L’EPILESSIA AD UCCIDERE STEFANO I periti nominati dal GIP in merito all’omicidio di Stefano Cucchi, morto il 22 ottobre 2009 una settimana dopo il suo arresto e il trattamento – a suon di botte – riservatogli dai Carabinieri prima e dai secondini poi, nel reparto carcerario dell’ospedale Pertini di Roma, giungono alla conclusione che sopraggiunse una “probabile morte improvvisa per epilessia” . Nella relazione, resa nota oggi dal collegio dei (...)

Leggi tutto
 

Dopo il voto sul piano di rientro e verso cosa? Una assemblea al C.s.a. Officina Rebelde.

Hic Sunt Leones, il piano di rientro è passato. Nonostante la vigilanza al Consiglio Comunale indetta da Catania non si vende e da "I Siciliani Giovani", nonostante il presidio non autorizzato improvvisato alla bell’e meglio dal C.s.a. Officina Rebelde sotto al Comune, nonostante l’opposizione interna al Consiglio Comunale riguardo al provvedimento che paradossalmente è venuta tutta da destra. Vero è che la lista degli immobili da svendere è stata epurata dei casi più èclatanti, come il Teatro (...)

Leggi tutto
 

I movimenti sociali, in assemblea a Roma, mettono in cantiere la strategia per vincere la sfida referendaria e cacciare Renzi

Come redazione inoltriamo il testo del report fatto da Infoaut dell’assemblea dell’1 Ottobre. Il nostro appoggio alla battaglia per un No sociale al Referendum è scontato, nei prossimi giorni discuteremo come articolare questa battaglia nei nostri territori e quartieri e se e come aderire a questa proposta di mobilitazione nazionale #CèChiDiceNo: Report assemblea nazionale 1 ottobre In primo piano C’è chi dice NO! REPORT ASSEMBLEA NAZIONALE DEL 1 OTTOBRE Sabato 1 Ottobre all’Università La (...)

Leggi tutto
 

Calendario di mobilitazione per i movimenti sociali. L’incognita dei consiglieri dissidenti per la Giunta Bianco

Un settembre decisamente "caldo" quello che sta vivendo la Giunta Bianco a Catania, ravvivato dalla decisione dell’alleanza di movimenti, associazioni, cittadini, centri sociali, riunitisi sotto la sigla "Catania non si vende!" di contestare il Piano di Rientro del debito proposto dalla Giunta Bianco. Il Piano di Rientro aprirebbe la porta alla svendita di numerosi immobili comunali ed alla privatizzazione della rete del Gas, come si può evincere dal testo di questo evento. In particolare (...)

Leggi tutto
 

UNA RIFLESSIONE A PARTIRE DALLA MORTE DI ABD ELSALAM

In memoria di Abd Elsalam Ahmed Eldanf ( Piacenza) : ……..merci, uomini-operai, logistica La tragica morte del lavoratore egiziano Abd Elsalam Ahmed Eldanf, 53 anni e padre di cinque figli, avvenuta la notte del 14 settembre, travolto da un Tir sul luogo di lavoro - Lgs a Piacenza - durante una fase di rivendicazione sindacale, ha portato all’attenzione nazionale le condizioni di lavoro e la dinamica operativa di un segmento lavorativo rimasto sempre complessivamente marginale nella (...)

Leggi tutto
 

UNA INTERVISTA DI RADIO ONDA D’URTO (AUDIO)

TERRA : SICUREZZA ALIMENTARE A RISCHIO TRA RISCALDAMENTO GLOBALE, CAMBIAMENTI CLIMATICI E MERCATO DEI SEMI L’agosto più caldo degli ultimi 136 anni ( ovvero da quando è iniziata la registrazione delle temperature terrestri ) è quello appena trascorso. Nell’ agosto 2016 il termometro globale ha infatti registrato 0,16 gradi centigradi in più rispetto all’agosto 2014, cui apparteneva il record precedente, e 0,98 gradi in più rispetto alla media. Gli scienziati della Nasa evidenziano anche che (...)

Leggi tutto
 

Il piano di rientro del debito provoca una rivolta civile nel capoluogo etneo.

Doveva essere una delibera come un’altra, quella sul piano di rientro del debito presentata dalla Giunta Bianco ed in via di approvazione ai prossimi consigli comunali, ma ha suscitato discussione e dibattitto per il progetto di (s)vendita sistematica di beni pubblici in esso contenuto. Già da tempo Catania Bene Comune, lista cittadina della società civile, si oppone al piano e pure il Centro Sociale Officina Rebelde in questi mesi si è espresso più volte contro ogni ipotesi di rientro del (...)

Leggi tutto
 

La difficoltà del Movimento di fronte alle manovre delle istituzioni e degli americani. (NELLA FOTO IL PRESIDIO SMANTELLATO DAL COMUNE)

Che sia stata una estate di passione per la lotta No Muos non è un mistero per nessuno. Abbiamo assistito ad un attacco senza precedenti, evidentemente concordato e pianificato dalle alte sfere del governo (Ministero degli Interni in primis) sotto la spinta dell’ambasciata americana. Ricapitoliamo brevemente i fatti che si sono susseguiti questa estate in modo da potere dare un quadro complessivo di quello che sta accadendo a chi ci legge. Dal fronte dei tribunali la prima cattiva notizia è (...)

Leggi tutto
 

ANARCHICO, RIBELLE, IL PAPA’ DI STEFANIA CI HA LASCIATI. ERAVAMO DIVENTATI SUOI FIGLI. SIAMO RIMASTI UN PO’ ORFANI.

Certi anni sono difficili da mandare giù. Certi giorni sono come il temporale che sta inondando Catania. Certi articoli preferiresti non scriverli. Ci siamo assunti questo compito, la prima volta, quando Stefania Noce fu uccisa barbaramente dal suo ex. Dicendo, per primi, a chiare lettere che quello era femminicidio. Oggi è morto Ninni Noce e non sappiamo che dire, perchè un’altra volta, dopo sua figlia, la compagna con la quale sfilammo nell’Onda, con la quale lottammo contro il g8 dei potenti (...)

Leggi tutto
 

CATANIA E SIRACUSA: CENE SOCIALI, RACCOLTE DI BENI IN SEDI POLITICHE E SPAZI AUTOGESTITI. SI SOSTENGONO LE BRIGATE DI SOLIDARIETA’ ATTIVA.

Anche in Sicilia le realtà antagoniste si pongono il problema di sostenere le Brigate di Solidarietà Attiva ed il loro sforzo per le popolazioni colpite dal terremoto del Centro Italia. Nei giorni scorsi a Catania è stato allestito, dal Collettivo Universitario, dal C.s.a. Officina Rebelde e da Catania Bene Comune un punto di raccolta di beni di prima necessità assieme a Palestra Lupo nei locali di Piazza Lupo. Ora l’obiettivo è quello di contribuire ad una raccolta fondi per la Brigata, che si è (...)

Leggi tutto
 

L’OPINIONE DI SANDRONE DAZIERI (AUDIO TRATTO DA RADIO ONDA D’URTO)

SATIRA SI, SATIRA NO?LA POLEMICA SULLA VIGNETTA DI CHARLIE HEBDO Polemiche, politiche e sui social network, per una vignetta di Charlie Hebdo. “Terremoto all’italiana: penne al sugo di pomodoro, penne gratinate, lasagne”, è il titolo della vignetta pubblicata sull’ultimo numero della rivista satirica francese. Nell’immagine tre vittime del sisma sporche di sangue. L’ultima presenta diverse persone sepolte da strati di pasta come a formare un quadrato di lasagne. La vignetta è uscita sull’ultima (...)

Leggi tutto
 

LA PROCURA DI GELA SI DIMENTICA DI MAFIA ED INQUINAMENTO E DECIDE DI PROCESSARE MEZZA SICILIA PER L’INVASIONE DELLA BASE. I NO MUOS: IN CORTEO IL 2 OTTOBRE. (A SEGUIRE PICCOLO TEST SUL MUOS E LA LEGALITA’ PER CAPIRE CHI SEI)

Inoltriamo l’articolo di Meridionews: Muos, avviso di conclusioni indagini per 129 persone Per invasione della base e scontri del 9 agosto 2013 Salvo Catalano 23 Agosto 2016 Cronaca – Mai tanti attivisti, tutti insieme, si erano ritrovati sotto l’attenzione della magistratura. La Procura di Gela ha messo insieme le contestazioni per due cortei: quello di tre anni fa e quello del 25 aprile del 2014. In 34 dovranno rispondere anche di violenza e minacce a pubblico ufficiale A diversi anni (...)

Leggi tutto
 

"Colony" e "The Aliens", due serie televisive che raccontano il ghetto in chiave di fantascienza.

L’abbiamo già detto e lo ripeteremo pressoché ad ogni articolo che dedichiamo a questa rubrica, le antenne degli sceneggiatori americani ( e non) di serie televisive sono oltremodo recettive ed atte a cogliere quello che si agita in profondità nel subconscio collettivo dell’occidente contemporaneo. Partendo da questo assunto, trovo interessante che nello stesso anno e nello stesso periodo siano state proposte al pubblico due serie che ruotano attorno al tema del muro ed all’alieno. Muri fisici, (...)

Leggi tutto
 

Inoltriamo l’’appello dei centri sociali cittadini

Un malcontento capillarmente diffuso e profondo si è sviluppato negli ultimi due anni verso un governo sempre più sfiduciato dalla popolazione, che ha trovato davanti ad ogni manovra un’opposizione radicata e radicale. Un governo dal sapore elettoralistico e lontano da ogni bisogno e rivendicazione di chi è costretto ogni giorno a pagare i costi della crisi e del malgoverno. Nulla di nuovo stiamo dicendo su questo governo, il segreto di Pulcinella è stato svelato ormai tempo fa, è chiaro a tutti (...)

Leggi tutto
 

L’attivista siciliano, imprigionato ad agosto per i suoi rapporti con i Kurdi, torna in Sicilia.

L’attivista imprigionato nella Turchia di Erdogan «Fanno la guerra ai curdi, un regime paranoico» Simone Olivelli 12 Agosto 2016 Cronaca – Claudio Tamagnini, originario di Alcamo, è stato rinchiuso prima in una cella della stazione di polizia, poi processato, infine espulso dopo aver vissuto in un Cie. Con lui Pietro Pasculli, con il quale hanno visitato i territori vessati dalle forze vicine al presidente, rimasto al potere dopo il tentato golpe. Guarda le foto «Se siamo riusciti a dormire (...)

Leggi tutto
 

Radio BlackOut intervista un nostro compagno in merito alla situazione ed al punto della lotta al Muos. (AUDIO)

Inoltriamo l’intervista fatta da Radio BlackOut ad un compagno del C.s.a. Officina Rebelde in merito agli sviluppi della lotta al Muos in Sicilia Venerdi 5 agosto il tribunale del riesame di Catania ha confermato il dissequestro delle antenne Muos, facendo seguito all’altro pronunciamento del 6 maggio della CGA siciliana che cedeva alle fortissime pressione del governo USA e italiano. Si avvicina l’operatività dell’eco-mostro militare americano di Niscemi. Non a caso la sentenza arriva mentre (...)

Leggi tutto
 

(ARTICOLO IN CONTINUO AGGIORNAMENTO)
UNA ESTATE DI LOTTA IN SUGHERETA: PER FERMARE IL MUOS E LA GUERRA.

Di ieri è la notizia del dissequestro del Muos, in sede di appello, da parte del Tribunale del Riesame che ha accolto le deduzioni dl Ministero della Difesa. Dissequestro che coincide, (poco) sorprendetemente, con l’inizio dei bombardamenti in Libia. Se si pensava che compiere queste laide operazioni e giochetti burocratici ad agosto avrebbe spiazzato gli attivisti che lottano contro le antenne, la reazione del Movimento No Muos alla notizia è stata invece immediata. E’ stata indetta, per il 21 (...)

Leggi tutto
 

Oltre il conflitto tra Corte dei Conti e Consiglio Comunale, per difendere i servizi e gli spazi sociali.

Credo sia necessario scrivere ancora sul tema del debito del comune di Catania, come attraverso questo sito di controinformazione abbiamo cercato di fare negli ultimi mesi. In questo periodo abbiamo assistito ad un braccio di ferro tra la Corte dei Conti ed il Comune di Catania che aveva per oggetto il piano di rientro del debito comunale. Nello specifico, il Comune ha provato a fare approvare delle delibere che vogliono spalmare il debito su un arco di tempo trentennale invece che (...)

Leggi tutto
 

MIGRAZIONI, TRENI, EUROPA, MERIDIONI. INOLTRIAMO LA RIFLESSIONE DI CARLA PANICO

Dove comincia il Sud? Generazione, questione meridionale ed empatie ribelli al tempo della mobilità europea di CARLA PANICO. 1. “L’Italia sarà quel che il Mezzogiorno sarà.” (G. Mazzini) C’è un treno che corre tra gli uliveti pugliesi, attraverso il rosso di una terra riarsa dal sole. È un treno locale, che trasporta per lo più lavoratori e studenti universitari pendolari. È uno dei treni della vergogna, piccolo snodo di un sistema di trasporti che non è di certo un fiore all’occhiello (...)

Leggi tutto
 

GLI SPAZI SOCIALI A CATANIA DUE ANNI DOPO

Resistere ancora sotto il Vulcano “Aggregare e non disgregare, costruire e non distruggere convincere e non vincere” cit. "Cinque sogni per lo zapatismo, Cinque sogni per la resistenza" Quasi due anni fa scrivemmo questo articolo “Resistere sotto il vulcano”,in cui ci ponevamo delle domande e le ponevamo alla città su una serie di temi e di argomenti. La questione che sostanzialmente ci premeva chiarire era quella di fare il punto delle tensioni del precariato giovanile metropolitano a (...)

Leggi tutto
 

UNA MAPPA ED UNA INTERVISTA

Come redazione, inoltriamo il lavoro di inchiesta e di intervista del collettivo "Le Rebeldesse" Comunicato collettivo: Pubblichiamo l’intervista a Gioia Cacciatore, medico specializzato, in cui si parla di pillola del giorno dopo e aborto. L’intervista è parte di un lavoro più ampio del nostro collettivo Le Rebeldesse sull’obiezione e l’aborto. A settembre scorso abbiamo deciso di creare una mappatura delle farmacie del centro di Catania per capire dove i farmacisti praticano l’obiezione e (...)

Leggi tutto
 

I SUD NON SOPPORTANO LE CARTINE GEOGRAFICHE. NEL NOSTRO MERIDIONALISMO NESSUNA AUTONOMIA E NESSUN NUOVO CONFINE.

"Il dilemma: siete voi, poveri diavoli di sardi, per un blocco coi signori di Sardegna che vi hanno rovinato e sono i sorveglianti locali dello sfrutta-mento capitalistico o siete per un blocco con gli operai rivoluzionari del continente che vogliono abbattere tutti gli sfruttamenti ed emancipare tutti gli oppressi?" Antonio Gramsci, Alcuni temi della quistione meridionale- 1926 In questi anni di crisi si è aperta una riflessione, purtroppo ristretta in piccoli giri intellettuali o (...)

Leggi tutto
 
Recentemente, è stato presentato dall’autore, il libro "No Muos. Un anno di lotte." a Palermo, presso il Circolo Arci "Malaussene". In quell’occasione, la compagna Finella, che ha introdotto il dibattito, si è offerta, come sintesi delle proprie considerazioni, di mandarci una recensione, che è quella che pubblichiamo di seguito. ADAM T. “NO MUOS. UN ANNO DI LOTTE” Il racconto di Adam T. è un omaggio appassionato e sentito, emotivamente coinvolgente alla lotta del popolo No Muos, tributato (...)

Leggi tutto
 

RISPONDENDO AD UNA RECENSIONE SU SICILIA LIBERTARIA. RIFLESSIONI SULLE COMPOSIZIONI DELLE LOTTE TERRITORIALI

Più di un mese fa, su Sicilia Libertaria compariva una recensione del lavoro “No Muos. Un anno di lotte”, che rappresenta una narrazione, dichiaratamente dal nostro punto di vista, sulle vicende del movimento No Muos nell’anno che va dal settembre 2012 all’agosto 2013. Rispondere a questa recensione ed alle affermazioni che contiene è per noi importante, per due ordini di motivi: il primo è che in essa viene criticato uno dei passaggi (secondo me) più interessanti del libro, quello che descrive le (...)

Leggi tutto
 

Sicilia Libertaria recensisce il libro di un nostro militante sul Muos.

Sicilia Libertaria, per bocca di Pippo Gurrieri, decide di recensire "No Muos. Un anno di lotte". Ma, ben oltre e ben più del libro, è la nostra linea politica e la nostra lettura dei movimenti ad essere "recensita". E non pare granché condivisa e probabilmente neppure compresa. Parafrasando il collettivo Wu Ming, Officina Rebelde risulta un "oggetto di movimento non identificato". Non leggibile, nelle sue azioni e nelle sue speculazioni, da determinati ambiti di movimento legati a determinate (...)

Leggi tutto
 

CAMBIARE ROTTA O ESSERE SPAZZATI VIA DALLA CRISI

Pubblichiamo il contributo di un nostro compagno Resistere sotto il vulcano, inutile a dirsi, è difficile. Più difficile di quanto lo sia farlo nel resto d’Italia perché, per l’appunto, si è sopra un Vulcano. Il Vulcano del disagio sociale, della emigrazione, della fame, del controllo criminale e della corruzione che imperano incontrastate a Catania da decenni e vengono alimentate in maniera inimmaginabile dalla già violentissima crisi sociale di questi ultimi anni. Di fatto, a Catania la (...)

Leggi tutto
 

Un libro che racconta la lotta al Muos. E l’augurio di mille altre.

Si sentiva il bisogno di un altro libro sulla lotta al Muos, dopo gli ottimi lavori di Mazzeo [6] e Gurrieri [7]? In un certo senso, sì. Serviva un libro che provasse a "raccontare" l’esplosione del movimento No Muos dall’interno e questo ha provato a fare un nostro compagno, firmandosi con un acronimo. Quasi un diario di lotta, integrato da articoli, comunicati, volantini, che ci porta dentro ad una straordinaria esperienza di militanza e di lotta nella quale l’azione diretta e l’orizzonte (...)

Leggi tutto
 
Aderisci a Officina Rebelde: Chiunque si riconosca in tutto o in parte con quanto abbiamo assunto come statuto, con le nostre pratiche politiche, con le nostre iniziative, con la nostra esigenza di creare contributi e spunti nuovi per una rivoluzione sociale è un potenziale militante di OR. Ovunque vi troviate potete aderire, inviando una mail all’indirizzo officina.rebelde@yahoo.it , vi sarà comunicato il vostro numero di tesseramento, sarete iscritti alla mailing-list, sarete convocati (...)

Leggi tutto
 
Officina Rebelde è un’associazione culturale che si pone come obiettivo l’analisi delle contraddizioni del sistema capitalista e delle "resistenze" ad esso sviluppate in qualsiasi forma o parte del mondo. F.L.P. Via S. Orsola 30 Catania Leggi il nostro statuto

Leggi tutto
 

VISITATORI TOTALI


visiteurs en ce moment