officina rebelde
 HOME  |   Chi siamo  |   Iniziative  |   Caffè e derivati  |   Mostre  |   Video  |   Foto  |   Forum  |   Link
Ultimo aggiornamento: domenica 11 giugno 2017
Chi siamo
GLI AMORI AI TEMPI DEL CO.CO.CO.LERA

L’epidemia della precarietà, la sopravvivenza delle emozioni a dispetto di essa, una rubrica anomala, proposta dal gruppo più improvvisato dell’estrema sinistra, per raccogliere le esperienze che altrove non sono nulla: nè politica, nè letteratura. Sdolcinatamente No Global, consideriamo che abbiamo diritto al superfluo e ci avvaliamo dell’inesperienza dei nostri collaboratori per raccontarci, raccontarvi, nelle Vostre/Nostre emozioni precarie.
Nonostante il colera, nonostante tutto.

Amori ai tempi del Co.co.co.lera

Iniziative

CATANIA: APRE LO SPORTELLO DI AUTODIFESA PRECARIA
UN INIZIATIVA CONGIUNTA DEL FORUM ACQUA, DEL MOVIMENTO STUDENTESCO, DELLA RETE CATANESE 15 OTTOBRE, DI OFFICINA REBELDE CATANIA

Lavoro Precario: la legislazione Italiana sul lavoro è una vera selva ed è difficile orientarsi coi problemi posti dai diritti che sarebbero dovuti con chi lavora in situazioni border line come quelle dei contratti co.co.pro ed interinali o con chi lavora in nero;

Locazione: anche in tale settore c’è il problema dei contratti in nero, con il rischio concreto per chi occupa una casa o un posto letto di vedersi sfrattato da un giorno all’altro;

Servizio Idrico: un bene pubblico, l’acqua, che si paga salato. Spesso i gestori addebitano sulla bolletta tariffe non dovute, approfittando della disinformazione del cittadino;

Sostare: l’illegalità delle strisce blu, poste anche in zone dalle quali dovrebbero essere totalmente escluse.

VENITE A TROVARCI OGNI VENERDì, DALLE 17:00 ALLE 19:00, PRESSO LA SEDE DI OFFICINA REBELDE CATANIA, IN VIA COPPOLA N.6

PER INFO: officina.rebelde@yahoo.it

Qui il link all’articolo completo

Caffè e derivati

Per contribuire concretamente alla lotta dei ribelli Zapatisti abbiamo deciso di vendere il caffè che viene prodotto dalle loro cooperative contadine.

La confezione è da 250 gr e la vendiamo a tre euro al pacco, in caso di acquisto diretto, potrete trovarlo alle nostre iniziative, nei punti di distribuizione (dove il prezzo potrebbe però lievitare) oppure prenotarlo tramite la nostra casella mail.

Il nostro caffè, se ci sentiamo disobbedienti

Dossier sul Caffè Zapatista

Home > Home Page > Colonna Centrale > 90 MILIARDI PER LE GRANDI OPERE, POCHISSIMI SOLDI PER LA MESSA IN (...)

lunedì 10 ottobre 2016


90 MILIARDI PER LE GRANDI OPERE, POCHISSIMI SOLDI PER LA MESSA IN SICUREZZA

PARLA MASSIMO ZUCCHETTI (AUDIO TRATTO DA RADIO ONDA D’URTO)

GRANDI OPERE: POCHISSIMI I FONDI PER LA MESSA IN SICUREZZA DEL TERRITORIO

Sono 90 i miliardi di euro destinati alle Grandi Opere, mentre sono stati stanziati solo 800 milioni per la messa in sicurezza del territorio. Questo è il netto squilibrio di risorse messo in luce nell’articolo apparso su Repubblica questa mattina, lunedì 10 ottobre.

Enormi finanziamenti, però, che si scontrano con previsioni del traffico sovrastimate e assenza di adeguate previsioni di spesa, a fronte di costi economici che arrivano fino a triplicare durante la realizzazione delle opere.

Tutto questo mentre rimangono letteralmente briciole per le cosidette opere salva-vita: si tratta in particolare di interventi sul territorio, in particolare legati ai corsi d’acqua. Un tema di attualità alla luce delle frane e alluvioni degli ultimi anni, senza dimenticare le catastrofi legate ai sismi.

Il commento all’articolo di Repubblica di Massimo Zucchetti, docente di ingegneria energetica e informazione presso il Politecnico di Torino.

ASCOLTA QUI L’INTERVISTA

Questo articolo è stato visto volte.