officina rebelde
 HOME  |   Chi siamo  |   Iniziative  |   Caffè e derivati  |   Mostre  |   Video  |   Foto  |   Forum  |   Link
Ultimo aggiornamento: mercoledì 11 ottobre 2017
Chi siamo
GLI AMORI AI TEMPI DEL CO.CO.CO.LERA

L’epidemia della precarietà, la sopravvivenza delle emozioni a dispetto di essa, una rubrica anomala, proposta dal gruppo più improvvisato dell’estrema sinistra, per raccogliere le esperienze che altrove non sono nulla: nè politica, nè letteratura. Sdolcinatamente No Global, consideriamo che abbiamo diritto al superfluo e ci avvaliamo dell’inesperienza dei nostri collaboratori per raccontarci, raccontarvi, nelle Vostre/Nostre emozioni precarie.
Nonostante il colera, nonostante tutto.

Amori ai tempi del Co.co.co.lera

Iniziative

CATANIA: APRE LO SPORTELLO DI AUTODIFESA PRECARIA
UN INIZIATIVA CONGIUNTA DEL FORUM ACQUA, DEL MOVIMENTO STUDENTESCO, DELLA RETE CATANESE 15 OTTOBRE, DI OFFICINA REBELDE CATANIA

Lavoro Precario: la legislazione Italiana sul lavoro è una vera selva ed è difficile orientarsi coi problemi posti dai diritti che sarebbero dovuti con chi lavora in situazioni border line come quelle dei contratti co.co.pro ed interinali o con chi lavora in nero;

Locazione: anche in tale settore c’è il problema dei contratti in nero, con il rischio concreto per chi occupa una casa o un posto letto di vedersi sfrattato da un giorno all’altro;

Servizio Idrico: un bene pubblico, l’acqua, che si paga salato. Spesso i gestori addebitano sulla bolletta tariffe non dovute, approfittando della disinformazione del cittadino;

Sostare: l’illegalità delle strisce blu, poste anche in zone dalle quali dovrebbero essere totalmente escluse.

VENITE A TROVARCI OGNI VENERDì, DALLE 17:00 ALLE 19:00, PRESSO LA SEDE DI OFFICINA REBELDE CATANIA, IN VIA COPPOLA N.6

PER INFO: officina.rebelde@yahoo.it

Qui il link all’articolo completo

Caffè e derivati

Per contribuire concretamente alla lotta dei ribelli Zapatisti abbiamo deciso di vendere il caffè che viene prodotto dalle loro cooperative contadine.

La confezione è da 250 gr e la vendiamo a tre euro al pacco, in caso di acquisto diretto, potrete trovarlo alle nostre iniziative, nei punti di distribuizione (dove il prezzo potrebbe però lievitare) oppure prenotarlo tramite la nostra casella mail.

Il nostro caffè, se ci sentiamo disobbedienti

Dossier sul Caffè Zapatista

Home > Home Page > Colonna Centrale > CONTRO IL G7 DI TAORMINA-COMUNICATO FINALE

lunedì 29 maggio 2017


CONTRO IL G7 DI TAORMINA-COMUNICATO FINALE

CONTRO IL G7 DI TAORMINA-COMUNICATO FINALE

In attesa di diffondere le nostre valutazioni politiche della mobilitazione che ha portato a contestare il G7 di Taormina, pubblichiamo il comunicato collettivo diffuso dalle pagine degli organizzatori della due giorni.

Ieri è stata una giornata straordinaria.
Un corteo numeroso, colorato, rumoroso e composito ha attraversato le vie di Giardini, dimostrando che il clima di paura creato dalle istituzioni locali era irresponsabile; un corteo partecipato da tantissimi giardinesi, cittadine e cittadini, che hanno sfilato con noi mescolandosi tra spezzoni, striscioni e bandiere.
Sicuramente ha pagato la scelta di essere qui, a Giardini Naxos, a presidiare la zona rossa come chiara risposta di un movimento che non intende indietreggiare, né farsi intimidire dalla logica repressiva e securitaria delle smart city e del controllo urbano delle recenti leggi Minniti/Orlando. Non è stato facile resistere ad un apparato repressivo molto duro. Fisicamente quasi ogni donna e uomo presente al corteo di ieri è stato fermato, controllato e identificato; moltissimi sono stati i compagni e le compagne che non hanno potuto raggiungere la piazza perché bloccati prima, in una delle tante neonate frontiere inventate per l’occasione, da Villa San Giovanni a Tremestieri, e allontanati con fogli di via. A tutti loro va il nostro sincero ringraziamento ed il nostro più fraterno abbraccio. Ci dispiace per il Ministro Minniti, ma i controlli, i fogli di via e la militarizzazione del territorio non sono bastati. Ieri le donne e gli uomini che hanno sfilato al corteo hanno dimostrato di non essere per nulla intimiditi, in più di tremila hanno riempito le strade di Giardini Naxos, determinati a sfidare il clima di repressione e paura costruito per depotenziare la partecipazione. C’erano tutti: i comitati territoriali che combattono ogni giorno la devastazione della Sicilia, i collettivi studenteschi, il Movimento No Muos, i sindacati di base, i centri sociali, le centinaia di compagne e compagni venuti da tutta l’Italia. Per ribadire che contestare il G7 ieri era in totale continuità con la difesa del territorio, dei diritti dei lavoratori, con le esperienze di autogestione degli spazi sociali, con l’esigenza di un sapere critico e indipendente, con il rifiuto della militarizzazione dei territori e la difesa del concetto di accoglienza nei confronti di chi scappa dalla guerra e dalla miseria. Il concentramento finale del corteo è rimasto a Piazza Municipio senza disperdersi, nonostante il lancio di lacrimogeni delle forze dell’ordine, ad aspettare che le due compagne ingiustamente fermate dalla polizia venissero rilasciate. La stampa aveva convinto i cittadini che un’ orda barbarica avrebbe distrutto vetrine e aiuole; l’unica vetrina ad essere attaccata è stata quella dei potenti della Terra, venuti in Sicilia per pianificare asservimenti, saccheggi e devastazioni.
Ma il corteo è stata solo la tappa finale di una due giorni molto partecipata e di un percorso durato mesi che con fatica ha costruito un fronte di opposizione sociale eterogeneo, unito dalla radicale critica a questo sistema e alle sue logiche folli di sfruttamento e annientamento delle persone e delle libertà. Nei giorni scorsi, appena arrivati, abbiamo dovuto dissipare un martellante clima di sospetto, creato ad arte dalla campagna mediatica martellante dei media ammaestrati che ci ha dipinto come un’orda di distruttori venuti a radere al suolo una tranquilla cittadina, ed alimentato dagli atteggiamenti irresponsabili del primo cittadino di Giardini che ha voluto addirittura imporre la serrata ai negozi della città durante il corteo. La verità, come hanno ben potuto constatare i cittadini di Giardini, è stata ben diversa. L’assemblea cittadina e il corteo sono stati luogo di incontro e condivisione, momenti per spiegare la nostra idea di mondo, la Sicilia che abbiamo in mente e i progetti che portiamo avanti nei territori e parola dopo parola, intervento dopo intervento, tra un cartellone e un volantino, l’immagine di noi è cambiata, da invasori siamo diventati liberatori di quelle strade e di quelle piazze da cui volevano tenerci lontani ad ogni costo, l’incontro ha sgretolato il clima di sospetto e paura, lasciando spazio solamente alla politica. Ora le nostre ragioni contro il summit sono state riconosciute da tutti. Prima di tutti dagli abitanti di Giardini.
Questa giornata, però, lascia un’ombra preoccupante per il futuro della democrazia e della partecipazione in questo paese. Il messaggio mandato dal Ministero degli Interni è chiaro: tutte le lotte sociali nel prossimo futuro si troveranno di fronte a un altissimo livello di controllo e repressione, in città piene di divieti e check point inventati, reali e virtuali, per intimorire, scoraggiare e stigmatizzare qualsiasi forma di dissenso.
In molti potrebbero chiedersi se nel nostro paese esiste ancora un pensiero democratico in grado di difendere la libertà di dissenso o se questo toccherà in futuro solo ai movimenti. La manifestazione di ieri forse non risponde a tutte le domande, ma dimostra inequivocabilmente che il movimento popolare, unito e autorganizzato, è capace di resistere alle minacce del potere e a liberare le strade, le piazze e le città della nostra Terra.

#StopG7

#NoG7

#ForauG7

#Itivinni

Fonte: https://www.facebook.com/notes/contro-il-g7-di-taormina/contro-il-g7-di-taormina-comunicato-finale/259226304552204/

Rispondere all'articolo

Questo articolo è stato visto volte.